Home Acqua e Territorio Monitoraggio radiologico straordinario nelle aree protette del Po a valle della centrale...

Monitoraggio radiologico straordinario nelle aree protette del Po a valle della centrale di Trino Vercellese

1466
0
CONDIVIDI

Presso due zone dell’area fluviale del Po di importanza naturalistica, situate a valle della Centrale Nucleare “E. Fermi” di Trino Vercellese (il Sito di Importanza Comunitaria IT1180005 “Ghiaia Grande Fiume Po” e la zona umida in Località Brusaschetto Nuovo) è stato avviato un monitoraggio straordinario volto ad approfondire l’impatto radiologico ambientale prodotto dalla Centrale, in previsione dell’avvio di importanti attività di decommissioning dell’impianto.

I punti di campionamento sono stati individuati in corrispondenza delle due aree naturalistiche di indagine: il punto TF02, già utilizzato da Arpa per il monitoraggio dei sedimenti fluviali, risulta in corrispondenza della zona umida realizzata in località Brusaschetto Nuovo, nei pressi del ponte per Camino (circa 1,5 km a valle della Centrale); il punto TF07 è in corrispondenza del SIC “Ghiaia Grande”, a monte del ponte per Pontestura (circa 6 km a valle della Centrale).

I risultati dell’indagine ad oggi hanno evidenziato in alcune matrici la presenza di Cs-137 e di Sr-90 in concentrazioni poco significative e comunque confrontabili a monte ed a valle dell’impianto, mentre non si segnalano fenomeni di accumulo.

Qui puoi consultare l’intera relazione