Home Acqua e Territorio Hera inaugura il percorso visitatori a Pontelagoscuro

Hera inaugura il percorso visitatori a Pontelagoscuro

1268
0
CONDIVIDI

Alla scoperta dell’impianto di potabilizzazione per la Giornata Mondiale dell’Acqua. Tempo fino a domenica 20 marzo per prenotare una visita

Si stanno moltiplicando le richieste per visitare l’impianto Hera di Pontelagoscuro in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, soprattutto da parte di studenti.

Martedì 22 marzo, tutti gli ospiti che hanno prenotato potranno infatti visitare, nella fascia oraria dalle 9 alle 13, l’impianto di potabilizzazione per vedere come funziona la ‘fabbrica dell’acqua’ di Hera. Un impianto di vitale importanza per la città e per tutto l’alto ferrarese a cui fornisce acqua potabile.

 

La centrale di Pontelagoscuro

Con i suoi 238.000 m2 di estensione, la centrale è una vera e propria “Fabbrica dell’acqua” che serve un bacino di quasi 260.000 abitanti, può potabilizzare fino a 1.450 litri di acqua al secondo e produce oltre 77.000 m3  di acqua potabile al giorno. La centrale è una delle poche in Italia ad essere dotata di bacini di lagunaggio che hanno una superficie totale di 45.000 metri quadrati e un volume massimo d’invaso pari a 250.000 metri cubi. Si tratta di una tecnologia in grado di fornire una notevole riserva idrica e, in caso di necessità, consente d’interrompere il prelievo dal Po garantendo per tre giorni l’approvvigionamento a tutto il bacino d’utenza ferrarese servito da Hera. Inoltre questa tecnologia fornisce un contributo importante alla depurazione, consentendo una prima fase di purificazione grazie alle reazioni biologiche che avvengono spontaneamente.

Oltre ai bacini di lagunaggio e ai chiariflocculatori, la centrale è composta da serbatoi in cui l’acqua è sottoposta ad ozonizzazione, da enormi cisterne per la filtrazione tramite carboni attivi, da grandi vasche seminterrate e blindate per lo stoccaggio dell’acqua già potabile e, infine, da impianti che aggiungono il cloro nell’acqua prima della sua immissione in rete, per proteggerla da eventuali successive contaminazioni batteriche.

L’intero processo è governato e controllato, oltre che dai tecnici e dagli operatori Hera, dal sistema di telecontrollo del polo unico di Hera di Forlì.