Home Acqua e Territorio Di qua e di là dal Po: Aceto Balsamico Tradizionale e Vialone...

Di qua e di là dal Po: Aceto Balsamico Tradizionale e Vialone Nano

1085
0
CONDIVIDI

di Gian Luigi Casalgrandi

In questi giorni presso l’associazione La Clessidra di Nonantola, si è svolto il gemellaggio tra l’Oro Nero del Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di Modena e il Riso Vialone Nano, prodotto nelle zone di Nogara e Isola della Scala, in provincia di Verona. Durante la serata sono stati proposti menù a base di riso, in abbinamento con le quattro D.O.P. di Modena: Balsamico Tradizionale, Parmigiano Reggiano e Prosciutto di Modena. Particolarmente soddisfatti il presidente del Consorzio Enrico Corsini, il sindaco di Nogara Luciano Mirandola e quello di Nonantola Federica Nannetti, per la buona riuscita dell’iniziativa, che ha messo in luce inoltre, la storia secolare che unisce le due città, Nogara e Nonantola, ambedue appartenenti nel passato, agli antichi possedimenti dell’Abbazia Benedettina di Nonantola. Un legame che è stato sancito da uno scambio di regali, accompagnato dal canto di alcune “Mondine” nonantolane che hanno inoltre raccontato con commozione, il lavoro svolto in gioventù nelle risaie, lavoro sicuramente faticoso, ma anche una delle prime opportunità per le donne di uscire dalle mura domestiche, per guadagnarsi un proprio salario che, anche se modesto, ha rappresentato uno dei primi tasselli per la loro, non sempre facile, emancipazione sociale ed economica.