Home Acqua e Territorio Aemilia, così la ‘ndrangheta si è spartita le sponde del Po. Il...

Aemilia, così la ‘ndrangheta si è spartita le sponde del Po. Il pentito: “Riciclavo con fatture false di aziende del Nord”

1121
0
CONDIVIDI

Al maxiprocesso sulla mafia calabrese trapiantata in Emilia la deposizione del colletto bianco Pino Giglio, il “commercialista” della cosca Grande Aracri: “A Reggio i cutresi, al di là del ponte il clan Arena”. Il racconto della sua professionalità nel ripulire i soldi sporchi contesa fra le due cosche originarie del crotonese. Il ruolo dell’impreditoria “pulita” nel riciclaggio.

Leggi l’articolo su ilfattoquotidiano.it

L’opinione del nostro direttore, pubblicata su questo giornale a gennaio dello scorso anno:

La mafia non è come l’influenza